Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono cookies. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Per saperne di piu'

Approvo

Discografia

Motel Siffredi 2013 Booklet 002Sogni Poesie o Piccole Scuse. Questo il titolo scelto per il nostro secondo album di inediti, presentato al pubblico e alla stampa mercoledì 11 giugno, presso la Sala della Gran Guardia di Rovigo. Un album partorito dopo due anni di gestazione, concepito subito dopo l’uscita del primo EP nel 2011, frutto di un progetto che si è articolato nel tempo e che si è valso della collaborazione di prestigiosi artisti del panorama locale.

 

L’album si snoda su sentieri corrispondenti al pop rock italiano, tra ballade di facile presa e pezzi rock più intensi e graffianti. Considerato nella sua interezza, il disco può essere concepito come un viaggio artistico verso la completezza musicale: in esso trova largo spazio la sperimentazione a tutto tondo, da intermezzi di musica elettronica alla maestosità della musica classica rappresentata da un quartetto d’archi.  

I testi e le musiche sono stati scritti dalla voce del gruppo, Gianluca Casazza, in collaborazione con Massimiliano Raspa, ex tastierista della band, Luca Boniolo dei Viaggio Segreto e al violinista Stefano Bellettato.

 

Il primo brano estratto dall’album, singolo di lancio del nuovo lavoro, dal titolo Con il Sole negli Occhi, è un pezzo pop-rock con leggere venature di elettronica. Il testo descrive l’attimo di smarrimento che si ha nel momento in cui ci si accorge che la persona che abbiamo davanti ci ha catturato il cuore e ci ha fatti innamorare. All’interno del brano è stata fatta una citazione (non troppo) nascosta ad una delle band più rappresentative del genere neo-progressive: i Marillon. 

Per i Motel Siffredi questo progetto sancisce definitivamente il passaggio all’età adulta e l’affrancamento dall’etichetta di “cover-band”. 

Gianluca Casazza, frontman del gruppo, commenta: «Questo disco nasce dalla voglia di emergere, dalla volontà di dimostrare che non è impossibile uscire dalla conformità di tribute band e talent vari. Ci sono voluti due anni di lavoro per giungere a questo risultato, un traguardo che sentiamo tutto nostro. Come nostro è del resto tutto il lavoro che c’è dietro. Per realizzarlo al meglio, ci siamo valsi della collaborazione indispensabile di Riccardo Nicoli che con la sua professionalità ha reso possibile lo sviluppo del progetto, dalla sua fase embrionale fino allo studio di registrazione. Ci sono partecipazioni di lusso anche nella scrittura dei brani presenti in questo disco, come Luca Boniolo (Viaggio Segreto) e Prhome, noto rapper rodigino, e addirittura di un quartetto d'archi magistralmente diretto dal maestro Stefano Bellettato. Abbiamo cercato di dare la nostra impronta ad ogni cosa, comprese le grafiche, curate da Massimiliano Ferrari, ispirate a quadri di un artista polesano, Alessandro Capuzzo. In sostanza, Sogni Poesie o Piccole Scuse è un disco che parla di noi, che ci spinge a credere nei sogni, a scrivere poesie ma ci ricorda di non usarle come scuse».

 

Per ascoltare e scaricare i brani dell'album, visita la sezione Shop di questo sito. 

 

 

Nel 2013 nasce un importante sodalizio con la Beng Volley Rovigo, la squadra di pallavolo di serie A2 femminile orgoglio del capoluogo.

Oltre ad essere i fondatori del fans club ufficiale della squadra, i Motel Siffredi ne scrivono l'inno ufficiale.

 

cover MS Tanto e lo stesso

Tanto è lo stesso

Singolo pubblicato nel 2012. La canzone è stata scritta a 4 mani con Paolo De Grandis, noto speaker radiofonico nonché voce storica di Delta Radio, ed ha costituito la colonna sonora del suo omonimo romanzo. Il pezzo  è stato registrato da Riccardo Nicoli.

Da questa collaborazione è partito un lungo sodalizio tra noi Motel e l'amico Paolo De Grandis: la nostra voce e la nostra chitarra lo hanno seguito nelle numerosissime presentazioni del libro svolte nelle librerie, piazze, ville, iniziative culturali e serate della regione.

Al libro (e alla canzone) sono stati ispirate anche delle opere d'arte, i dipinti di Margherita Rancura e Gabriella Dumas Burgato. La copertina del cd, dal titolo "L'illusione del viaggio", è appunto un'opera di quest'ultima.

Il brano focalizza lo sguardo sul momento in cui decidiamo di prendere in mano la nostra vita e di non farci più trasportare dagli eventi. 

All'interno del cd c'è anche una versione acustica del brano - musicalmente più intima - eseguita con violino del maestro Stefano Bellettato.

Qualche tempo dopo, Paolo De Grandis ha inteso "restituire il favore", prestando la propria voce per l'intro del nostro ultimo album, Sogni Poesie O Piccole Scuse. 

 

 

La fantasia di cio che sei

Nel 2011 esce La fantasia di ciò che sei, il nostro primo ep. 

Questo album e le canzoni che lo compongono nascono dalla voglia di rompere con l'etichetta di "cover band" che fino a quel momento ci ha contraddistinto e dalla volontà di emergere, differenziandoci un pò dalla massa e dal nostro passato. 

Il brano forse più rappresentativo in questo senso è "mare ribelle", primissimo esperimento di musica inedita, venuto alla luce nel 2009. 

Questo disco è un lavoro a cui siamo particolarmente legati - un pò l'attaccamento che i genitori hanno col figlio primogenito - I testi e le musiche sono di Massimiliano Raspa, gli arrangiamenti sono a cura dei Motel Siffredi con l'aiuto di Fabio Crepaldi. Le tracce sono state registrate rigorosamente in casa, nello studio "nostro" di Canalnovo. E' un lavoro interamente autoprodotto, l'unico aiuto esterno a cui siamo ricorsi è stato per il mixaggio, a cura di  Massimo Bignotti fonico. Le canzoni appartengono al genere pop italiano in pieno stile, con un tributo, una cover di un brano di Phil Collins, in the air tonigh. 

Da questo album nasce la voglia di organizzare un concerto (il primo) di musica inedita, tenutosi nella Piazza di Canalnovo l'8 agosto 2011.